Seleziona una categoria tra quelle elencate qua di seguito, poi seleziona un articolo da leggere.

Mamma in attesa. Cosa fare e quando?

Quando una donna scopre di essere incinta tra le prime domande che si pone c’è sicuramente: quando dovrò fare la prima ecografia? Quante ne dovrò fare durante la gravidanza?

La prima ecografia deve essere effettuata entro la nona-decima settimana di gestazione per verificare innanzitutto quanti bambini sono presenti, cioè se si tratta di una gravidanza gemellare, la cui incidenza oggi è particolarmente aumentata per le tecniche di fecondazione assistita, e per verificare la presenza di vitalità del bambino. In gravidanza normalmente si consiglia di fare tre ecografie: al primo trimestre per la datazione della gravidanza e la verifica dell’epoca gestazionale effettiva; successivamente l’ecografia morfologica, eseguita intorno alla ventunesima settimana e infine l’ecografia del terzo trimestre per verificare la crescita del bambino.

Chirurgia mininvasiva per la protesi anca

E’ ancora così complesso l’intervento di protesi d’anca?

L’intervento di chirurgia protesica dell’anca attualmente è decisamente cambiato. L’accesso viene fatto con un piccolo taglio mininvasivo anteriore di circa 6/7 cm. Non è richiesto assolutamente l’uso del sangue durante l’intervento e neanche nel post operatorio. Non viene assolutamente usato il drenaggio e non viene usato catetere. Il paziente 6-7 ore dopo l’intervento può tranquillamente alzarsi con l’ausilio di due bastoni canadesi. Attualmente in terza/quarta giornata il paziente può essere completamente dimesso e ritornare a casa.

Ferite nei bambini: quando sono preoccupanti?

Capita spesso che i nostri bambini giocando, facendo sport o i mille altri modi, si procurino delle ferite. Quando è il caso di far controllare una cicatrice a un medico?

Le ferite sono meno gravi per bambini e giovani, perché la maggiore vascolarizzazione aiuta la guarigione. Tuttavia una ferita deve destare maggiore attenzione quando non tende a guarigione spontanea o è stata causata inizialmente da qualcosa che può aver lesionato i tessuti sottostanti, quindi tendini, fasce, muscoli e articolazioni. In questi casi c’è l’indicazione per un trattamento specialistico d’urgenza.

Problemi osteo-articolari: faccio la TAC o risonanza?

Faccio la TAC o la risonanza? E’ è una delle domande più frequenti che fanno i pazienti con problemi osteo-articolari.

Non esiste un rapporto di esclusione tra le metodiche. La semplice radiologia convenzionale può fornire indicazioni indispensabili per l’inquadramento di quasi tutte le patologie ma allo stesso tempo risulta insufficiente e risulta spesso negativa anche di fronte a patologie importanti. Allo stato attuale lo standard per la valutazione dell’apparato muscolo-scheletrico è senz’altro la risonanza magnetica che offre informazioni importanti sul tipo di lesione presente, estensione della lesione, impegni infiammatori secondari e permette più di tutte le altre di riconoscere la causa della sintomatologia del paziente.

Cosa fare in caso di trauma al ginocchio?

Il primo trauma, e quindi il trattamento sul campo, è stato studiato dagli americani che hanno coniato l’acronimo R.I.C.E.: “R” come “Rest”, riposo, “I” come “Ice”, ghiaccio, “C” come “Compressione”, “E” come “elevazione”.

Va sottolineata l’importanza del ghiaccio, che non va mai posto a contatto diretto con la pelle perché potrebbe creare delle ustioni. Perciò bisogna usare dei patch, che si trovano facilmente in farmacia, o utilizzare un panno. E’ fondamentale il riposo, così come è importante cercare di contenere l’arto, quindi creare una sorta di mini immobilizzazione in attesa di fare una diagnosi, e tenere l’arto in elevazione in modo tale da ridurre i gonfiori e gli edemi.

PRIMA IN ITALIA, ARRIVA LA ‘TAC CON IL ‘TURBO’: LA PIU’ VELOCE AL MONDO

Per la prima volta in Italia, a Roma, è operativa la ‘Tac con il turbo’: una scansione dura meno di un battito del cuore con una riduzione di radiazioni fino al 90 per cento. E’ una rivoluzione sia per le diagnosi, perché cattura le immagini ad altissima definizione, sia per la prevenzione perché cancella l’ostacolo […]